7
Nov

#bloggerhub

Dalle mie parti si dice: “mai lasciarsi come cani”. E’ una frase tipica, la si pronuncia ogni volta che la serata volge al termine. Produce un unico effetto, generalmente. Cercare il pub più vicino per l’ultima birretta in compagnia prima dei saluti. Quindi è una scusa per stare assieme ancora un po’ a chiacchierare. O forse, sostengono certi maliziosi, un ottimo alibi per la birra in quanto tale. Se la compagnia merita, chiaramente.

Mentre penso all’intensa due giorni del World Business Forum, mi rendo conto che non vi posso riunire tutti attorno a un tavolo per la “birra della staffa”. Si farà presto, spero, ma per il momento l’arrivederci va pronunciato a distanza. E allora c’è il blog, che sarà uno strumento di lavoro, di divertimento e di parole elettroniche, un’interfaccia che mi collega al mio lato virtuale, trasparente; ma soprattutto è quel ponte che da diversi anni mi connette alla parte più interessante, viva e palpitante della Rete, concedendomi il privilegio di incrociare volti, storie e passioni che in qualche modo sento appartenermi. Vedo, conosco, (mi ri)vedo, (mi ri)conosco.

Sintonia. In origine, “accordo di suoni”. Per uno come me che la mattina, ancor prima di aprire gli occhi, mette mano allo stereo e si manomette l’udito, questa parola rappresenta la sintesi perfetta di ciò che voglio dirvi ora. Sì, ok. Le conferenze e gli speaker d’eccezione. La parabola umana e sportiva di Agassi, due occhi riflessivi come mai nella storia del tennis. La Cain che parla come un mitragliatore. Il neuromarketing e la pila di informazioni che, non so voi, ci metterò giorni a metabolizzare. Tutto molto bello e a modo suo irripetibile.
Ma quello che mi interessa di più, in questo momento, è la sintonia. Tradotto: voi. E allora perché non dedicarvi un paio di “accordi” e, con essi, offrirvi una specie di “birra della staffa”?

Perdere l’occasione di ringraziarvi dell’ottimo tempo trascorso assieme sarebbe un delitto. “Mai lasciarsi come cani”. Mai.
Grazie di tutto e a presto 🙂

 

Commenti (Facebook)

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*