18
Mag

Content Management Made in Italy

Mi scrive su Linkedin il CEO di un’agenzia, che chiamerò Agenzia, dicendosi molto interessato al mio profilo professionale. Mi chiede di spedirgli il curriculum vitae, in modo da avere una panoramica più completa delle mie attività e dei servizi che offro. Sta cercando figure professionali in ambito content management per grossi siti e portali e ribadisce la volontà a discutere i termini di un’eventuale collaborazione.

La sorpresa arriva qualche giorno dopo. Ricevo un’altra email da parte sua, intitolata misteriosamente “Prova di selezione”. Prova di selezione? Sarà un modo stravagante per chiamare il colloquio di lavoro, mi dico. Invece, leggendo il messaggio, scopro di un non meglio precisato test per verificare l’idoneità dei candidati a scrivere. La cosa mi pare strana: doppiamente strana, visto che non mi sono candidato, limitandomi a spedire il mio curriculum a un professionista (ma ora, dopo aver scoperto della prova di selezione, le virgolette sono d’obbligo) su SUA richiesta.

Alberto Sordi

Un’immagine che vale più di mille parole.

Continuo a leggere. L’Agenzia chiede articoli brevi su quattro argomenti, che illustra in un file Excel allegato, corredandoli di keyword per la SEO. Seguono i parametri da rispettare e si specifica che l’importante è non copiaincollare i pezzi di altri, anche se in alcuni casi basta leggerli e riscriverli. Insomma, siamo alla parafrasi, che mi riusciva anche piuttosto bene alle medie: era il 1990-1991, gli Alice in Chains non avevano ancora pubblicato Dirt. Per dire che eravamo agli albori della mia esperienza con la scrittura e la musica che conta.
Leggo poi gli elementi che concorrono alla valutazione dei candidati (di nuovo… non mi sono candidato io!!): il tempo entro cui verranno spediti i testi di prova (non retribuiti), il rispetto dei parametri indicati, il non aver abusato di Ctrl+C e Ctrl+V. O cmd+C, cmd+V se siete adepti di Cupertino.
Una volta superato questo primo vaglio, chi è rimasto in lizza dovrà indicare quanti pezzi può scrivere in una settimana. Su questo dato l’agenzia si riserverà di fare una proposta contrattuale. Il che vuol dire che, dopo tre-quattro email, dopo aver spedito un CV, dopo aver scritto tre articoli di prova gratis che non si sa dove saranno pubblicati e se con la firma o meno, dopo che l’agenzia si è presa il suo tempo per pensare, uno teoricamente non sa nemmeno quanto guadagnerà da un lavoro di editor sui portali

Alcune considerazioni:
1.    Il content manager è una cosa un po’ diversa. È un ruolo di responsabilità. Semmai, cara Agenzia, stai cercando un Editor, che è esecutivo (sto tagliando l’argomento con l’accetta per esigenze di spazio, capitemi).
2.    Cara Agenzia, quando cerchi profili professionali su Linkedin, abbi la decenza di capire se si tratta di Junior, Intermedi o Senior. Non per giocare a chi ce l’ha più grosso, ci mancherebbe. Conosco Junior che fanno vedere i sorci verdi a nomi più blasonati. È per non far perdere tempo alle persone. Solo questo.
3.    Il “Web italiano” (se così lo vogliamo chiamare) deve fare chiarezza, mettendo in disparte questi millantatori che pretendono di saperne di Rete e di offerte di lavoro. Altrimenti, non sarà possibile crescere come meritiamo.
4.    Un consiglio per chi ha appena iniziato la sua avventura professionale in Rete. Non credete alle promesse di questi spacciatori di idiozie. Non sarà lavorando gratis o seguendo dubbie promesse che irrobustirete la vostra professionalità. Anzi, finirete con lo svilirla. E vi incazzerete, come succede a tanti che poi mollano o si accontentano. E’ un peccato.
5.   Cara agenzia, informati meglio, smettila di fare cazzate e sii contenta che non sbatto il tuo nome e link in questo post. La tentazione è forte.

Commenti (Facebook)

Piero Babudro
Consulente per la comunicazione digitale e il Content marketing. Scrivo e aiuto i miei clienti a progettare narrazioni digitali che funzionano. Ho scritto per una decina di giornali digitali e non. Collaboro con aziende, professionisti, agenzie di marketing e comunicazione. Organizzo corsi di formazione in azienda e insegno presso l’Istituto Europeo di Design di Milano. Il mio libro "Manuale di scrittura digitale creativa e consapevole" illustra un metodo che prima non esisteva e che ti aiuterà a produrre contenuti di livello eccezionale. > bit.ly/scritturadigitale
4 commenti
  1. Michele Papaleo 18/05/2013

    Mi è capitata la stessa cosa a me e penso che stiamo parlando della stessa persona.

    Mi sa che questo CEO non ha ancor ben chiare le competenze di ogni ruolo!

    Rispondi
    • piero.babudro 18/05/2013

      Ah sì? Mi sa che questo CEO non ha nemmeno ben capito che il lavoro non è una sorta di reality show dove il contratto lo vince chi arriva in finale. E soprattutto non ha nemmeno ben capito come si legge un profilo Linkedin.

      Rispondi
  2. Marco Fabbri 20/05/2013

    Questo è un CEO (Ca..eggiatore Errante Online…) dello stesso livello e qualità di quelli che cercano Manager di Filiale, e poi scopri che vogliono venditori di contratti porta-a-porta!
    Che non abbia capito cosa siano (e cosa significhino!) le professioni legate ai SM è un mal comune che il tentativo fatto dall’UE di fornire un repertorio minimo di denominazioni e competenze è ben lungi dal risolvere (e pensare che siamo stati tra i primi Paese che hanno recepito le indicazioni in merito!).

    Rispondi
  3. felisiano 22/05/2013

    La stessa cosa è capitata a me, la stessa dinamica, e il dubbio è saltato subito fuori nonostante sia giovane del mestiere. La voglia di sbattere tutto in rete poi era alta, ma meglio ignorarli e farci un bel post come questo.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*