18
Giu

… E tornare a viaggiare

SegnaleZero è uno spazio aperto ad amici e professionisti che stimo. Oggi ho il piacere di ospitare Fabio Lazzerini, Amministratore delegato di Amadeus e autore di Tourismcafe, blog dedicato a turismo e nuove tecnologie. head tourismcafe

La tempistica di questo suo post è quanto mai perfetta: proprio stamattina ho avuto modo di seguire il suo intervento alla conferenza  “Estate 2009: chi parte e chi resta”, durante la quale sono stati presentati i dati dell’Osservatorio Integrato del Turismo di Amadeus.

***

Buongiorno a tutti!

Ringrazio Piero per questo giro-poltrone tra blogger e soprattutto per l’opportunità di condividere le mie riflessioni da un canale diverso, a un’audience diversa!

Come sempre parlerò di viaggi, settore che vivo da un punto di vista assolutamente privilegiato. L’occasione è offerta dalla conferenza stampa da poco terminata, cui ho partecipato in veste ufficiale invitato da Yahoo! Italia.

Tema: Tendenze estive dell’anno. Estate 2009: chi parte e chi resta.

Molti gli spunti di riflessione, grazie ai risultati di 2 survey di mercato: l’Osservatorio Amadeus Italia sulle imminenti vacanze estive, unito alla ricerca condotta a livello europeo da Yahoo! Travel.

Parliamo pur sempre di un fenomeno che – nonostante la crisi – anche nell’anno in corso interessa 32,4 milioni di connazionali, di cui la maggior parte (64%) dichiara di scegliere una meta – meglio se di mare – entro i confini.

Vorrei portare la vostra attenzione su una realtà importante: l’aumento di quello che in Amadeus abbiamo battezzato meta multi search. L’utente, prima di finalizzare una prenotazione, consulta sulla stessa destinazione almeno 3 agenzie di viaggio tradizionali e 3 OLTA.

L’ovvia necessità è di stimare la proposta più conveniente.

Adesso uniamo questo dato ai risultati secondo me principali tra i tanti stilati da Yahoo!:

1) La fiducia nel brand è il fattore più importante nella scelta di un sito web di viaggi.

2) La ricerca di offerte speciali (54%) e il confronto dei prezzi (44%) sono le attività più svolte sui portali di viaggi di riferimento

3) Passaparola tra amici, social network e user generated guide sono i punti di riferimento preferiti per prendere decisioni in merito a viaggi & vacanze.

Ci troviamo di fronte, quindi, ad un consumatore più attento, consapevole e propenso a selezionare le proprie scelte in base a un rapporto qualità-prezzo sempre più preminente.

Il settore deve prenderne atto!

Come?

Mettendosi in gioco sul Web, accettandone i requisiti di trasparenza, dialogo e feedback, considerando la cultura “dal basso” come lo strumento di promozione più potente.

Mentre Italia.it cede il posto a sfumature magiche di dubbio gusto e risultato, continuo a credere che un’efficace strategia nazionale nasca più dalla volontà condivisa di attori e – perché no – consumatori, che non dalla rigidità di strumenti istituzionali. Da qui l’idea, cullata da molti, che un portale di promozione del nostro Paese come destinazione turistica possa nascere molto più efficacemente dal basso, da chi conosce e vive il proprio territorio con passione.

Fabio Lazzerini

Commenti (Facebook)

Piero Babudro
Consulente per la comunicazione digitale e il Content marketing. Scrivo e aiuto i miei clienti a progettare narrazioni digitali che funzionano. Ho scritto per una decina di giornali digitali e non. Collaboro con aziende, professionisti, agenzie di marketing e comunicazione. Organizzo corsi di formazione in azienda e insegno presso l’Istituto Europeo di Design di Milano. Il mio libro "Manuale di scrittura digitale creativa e consapevole" illustra un metodo che prima non esisteva e che ti aiuterà a produrre contenuti di livello eccezionale. > bit.ly/scritturadigitale
1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*