4
Giu

eBay: vince lo shopping online fai-da-te

Non c’è crisi che tenga. Magari stiamo più attenti al portafoglio, ma non ci sogniamo minimamente di rinunciare ai nostri vezzi. Così, mentre online settori come turismo e lusso fanno registrare buone performance nonostante il periodo economico, da una ricerca eBay (di cui ho ricevuto un abstract proprio stamattina) condotta su tutte le sue property europee emerge che, nonostante la recessione, gli acquisti in ambito lifestyle vanno per la maggiore, dalla bellezza fai-da-te alla moda, dalla creatività fino al giardinaggio.

In Italia i prodotti di bellezza subiscono una crescita su eBay.it, anno su anno, del 35% in media, con un picco del 68% per i prodotti di erboristeria. Segno che, passateci il termine, c’è un forte “bisogno di benessere” soddisfatto per la maggior parte attraverso il consumo. E anche moda e accessori vanno che è una meraviglia, con tassi di crescita compresi tra il 16 e il 26%.

Poi ci sono le curiosità, cui eBay nella sua politica di comunicazione non ha mai rinunciato, consegnandoci uno spaccato che è innanzitutto sociale e poi economico. La famiglia media europea cerca di scrollarsi di dosso l’incertezza e il pessimismo rispetto all’immediato futuro, rivolgendosi all’online come valvola di sfogo di un consumo altrove (parliamo dei negozi tradizionali) sempre più inaccessibile. Pace se poi tra i prodotti maggiormente acquistati dagli utenti eBay europei nel primo trimestre del 2009 non spiccano proprio i beni di prima necessità: attrezzi per la manicure e pedicure (+33% in Austria e +48% in Spagna), unghie artificiali (+103% in Belgio e +14% in Germania), trattamenti per la cura dei capelli (+114% in Polonia e +67% in Francia) e prodotti per l’abbronzatura (+16% in Inghilterra). Ce n’è per tutti i gusti.

Il dato positivo non manca. Dai numeri che ho visionato oggi, emerge la tendenza a riscoprire il valore del tempo libero. Cosa non da poco in tempi di postfordismo generalizzato, dove gran parte della vita del singolo viene messa a valore. Esplode il giardinaggio, ad esempio. E forse non si tratta solo di un fenomeno stagionale. I nostri connazionali dimostrano interesse soprattutto per l’acquisto di mobili per il giardino (+50%), oltre che per piante, semi e bulbi (+30%), categoria in crescita anche in Spagna (+71%), in Polonia (+103%), in Uk (+37%), in Germania (+40%) e in Irlanda (+125%).

Commenti (Facebook)

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*