17
Nov

P(ing) P(ong) SetUp: contest #Instagram a cura di @setupart

Ultimamente Instagram è un po’ la mia seconda casa. La prima è quella in cui vivo, un luogo di periferia dove pigri sogni scorrono placidi lungo le rive del Ticino. La mia seconda casa, dicevo, perché forse è il social network che più di tutti  mi permette il confronto con persone che hanno qualcosa da dire; molto più del solito chiacchiericcio di reti social come Facebook o del mordi e fuggi di Twitter, dove peraltro devo dire che succedono le cose interessanti. Certo, bisogna evitare come la peste l’invasione di #foodporn e altre derive del pensiero, ma tutto sommato il rumore di fondo è più basso che altrove. Speriamo tenga.
Instagram si diceva. In questo periodo le iniziative che riguardano il social network delle fotografie vintage in formato Polaroid non mancano. Ad esempio, parteciperò all’Instameet di Cremona del prossimo 23 novembre, ottima occasione per conoscere altri appassionati come me, e scattare qualche foto a una città che ha un suo certo fascino.
la locandina di ping pong
Ultimamente mi è balzato agli occhi un concorso che ritengo molto interessante, se non fosse perché in giuria c’è @brahmino, al secolo Simone Bramante, amico e interprete geniale dell’iphoneography nazionale. Lui non ha bisogno di presentazioni: vado a memoria, è stato citato perfino da Forbes come uno dei 10 instagramer da seguire, oltre ad aver partecipato a un numero di mostre, in Italia come all’estero, a fianco dei più grandi esponenti della mobile photography.

Bene, Simone sarà tra i giurati del contest P(ing) P(ong), che si terrà all’interno di SetUp, fiera d’arte indipendente con un occhio di riguardo agli artisti emergenti. Per partecipare c’è tempo fino al 19 gennaio 2014, anche se vi suggerisco di cominciare a pensarci da adesso, visto il tema. Gli organizzatori vi chiedono infatti di interpretare in modo creativo il ping pong, più che uno sport una metafora di vita, menzionando @setupartfair e usando gli hashtag #pingpongsetup e #SetUp2014. La foto va descritta, non basta mettere i tag: scelta condivisibile, visto che il testo a corredo delle immagini spesso è un ottimo strumento per contestualizzarle. Chi ha già visto il mio profilo Instagram sa, ad esempio, che inserisco spesso citazioni di gruppi musicali, film o libri, cercando un effetto di sovrapposizione tra testi.

Bene, torniamo al contest di SetUp. A questo link trovate tutte le informazioni per partecipare. Secondo me è un’iniziativa molto interessante: sono curioso di vedere le diverse interpretazioni del ping pong in formato 1:1.

Commenti (Facebook)

16 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*