23
Nov

L’incognita Reed Business

Molto difficile commentare questo momento. Venerdì sembra sia arrivata la conferma ufficiale della prossima chiusura di molte testate edite da Reed Business.

Per una panoramica completa colgo l’occasione per segnalare l’intervista di Salvatore Sagone ad Alessandro Cederle, amministratore delegato del gruppo (AdvExpress, solo su abbonamento).

Non commento la scelta di rivolgersi a una testata concorrente per descrivere il momento di crisi che ha colpito anche il proprio gruppo editoriale. I ‘panni’ si lavano in casa, da che mondo è mondo, ma evidentemente ci sono meccanismi imprenditoriali che sfuggono anche a chi, come me, opera nel settore da un po’.

A supporto di questa notizia, in Rete ho trovato solo il post di Trade Communication, su cui però merita fare una doverosa precisazione.

Nel post si dice che verranno dismesse tutte le riviste che non portano utili. Non è esatto: o almeno, tra i nomi fatti ci sono testate in utile, con una buona raccolta pubblicitaria e che hanno sofferto della crisi economica né più né meno di altre, appartenenti a gruppi editoriali che oggi si reggono in piedi a suon di stagisti o affidandosi ai comunicati stampa per riempire le pagine.

Stamattina ho ricevuto una decina di telefonate di colleghi che mi hanno chiesto se so qualcosa in più rispetto all’articolo di AdvExpress o al post in questione. Posso solo dire che quasi tutti mi hanno posto la seguente domanda: “Se siete in difficoltà voi, come possono reggersi in piedi i vostri concorrenti?”

Bella domanda! Non ho risposte e per ora non le cerco. Se le avessi non le esporrei pubblicamente, anche come forma di rispetto per gli ottimi colleghi di altre riviste che incontro spessissimo durante conferenze stampa o eventi in genere.

Quello che mi preme dire, tornando all’affaire Reed Business, è che c’è stata troppa fretta nel comunicare una notizia peraltro tutta da definire (il Cdr è stato sentito? si sono cercati potenziali acquirenti? cosa vuol dire investire sull’online? c’è un piano di business?), mettendo sullo stesso piano riviste definite ‘fuori perimetro’ eppure molto diverse quanto a situazione economica, ad ‘appeal’, a storia, a interesse da parte del mercato e degli addetti ai lavori.

Il che mi porta a pensare – e non solo sulla scorta della speranza verso testate a cui sono legato da un vincolo emotivo prima ancora che personale – che questa strana storia sia ancora in parte (o tutta) da scrivere.

Avvertenze: scrivo dalla fine del 2007 per il gruppo editoriale Reed Business, prima come collaboratore della testata Pubblicità Italia e della newsletter Today, poi di Adv. In questo post esprimo opinioni del tutto personali, alle quali posso solo aggiungere la stima e il rispetto professionale e personale per tutte le persone con cui ho lavorato finora.

Commenti (Facebook)

5 commenti
  1. samot 23/11/2009

    grazie per l’informazione e la segnalazione, io avevo capito “solo” le riviste in passivo, appena posso correggo il post

    Rispondi
    • piero.babudro 23/11/2009

      eh.. purtroppo invece verranno cassate tutte le riviste considerate ‘fuori perimetro’, qualsiasi cosa questo voglia dire… grazie a te delle info che hai scritto nel tuo post.

      Rispondi
  2. samot 23/11/2009

    ho apportato qualche modifica in seguito alle tue segnalazioni e aggiunto una piccola “postilla”, l’idea è quella di aggiornare il post in funzione delle varie notizie.

    Rispondi
    • piero.babudro 23/11/2009

      🙂 ottima idea!
      intanto mi dicono che domani dovrebbe uscire un comunicato sindacale.. buono a sapersi! 😛 seriamente, spero non ci si limiti alle solite generiche prese di posizione da sindacato…

      Rispondi
  3. Luca Bove 23/11/2009

    Cavolo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*