15
Giu

#socialfusion @perladoro (aggiungi i blogger a tavola..)

Quando la comunicazione diventa esperienza. Esperienza che si traduce in un racconto attorno al prodotto, alle sue peculiarità, e rende evidenti tutti quei dettagli che a un occhio poco esperto possono sembrare insignificanti, ma che invece sono fondamentali nel rendere un ristorante un posto unico, che merita di essere… direi vissuto, più che provato.

L’iniziativa #socialfusion di mercoledì scorso, cui ho partecipato su invito del sempre gentilissimo Roberto, oltre che un’occasione di ritrovo tra alcuni dei più bravi blogger in circolazione oggi, è stata un piacevole viaggio alla scoperta di gusti e sapori che celebrano nel migliore dei modi l’incontro tra Oriente e Occidente. Un’esperienza genuina, spontanea, che ci ha permesso di conoscere da vicino il grande lavoro che i cuochi del ristorante Perla d’Oro compiono dietro a ogni piatto.

Menù d’eccezione, creatività all’ennesima potenza. Pietanze ricercate, gustosissime ma mai “sopra le righe”. Un abbinamento notevole con vini nostrani (ma bisogna anche segnalare un Takara Plum Wine da leggenda).

L’ambiente è molto carino, vivace ma non caotico (lo dico per chi, come me, non sopporta i posti troppo rumorosi). Perla d’Oro si trova in Via Vigevano 13, vicino ai Navigli. Una delle zone più belle di Milano. È nato nel 2010 e si propone come il successore del primo ristorante, che se non sbaglio sta in Piazza Grandi. Un luogo nato sotto il segno della fusion: sui tavoli trovano posto specialità che compiono un ideale viaggio culinario, culturale e filosofico a cavallo tra Cina, Vietnam, Indonesia, Malesia, Thailandia, India, Giappone. Senza contare le numerose contaminazioni europee.

Prendete queste mie parole come la riflessione di una persona affascinata dall’Oriente in tutte le sue manifestazioni, e non come una recensione completa da parte di un food blogger. Non mi ritengo un esperto. Sono solo uno che ama la buona compagnia e la buona tavola. E che mercoledì scorso ha trovato entrambe, in una cornice simpatica e conviviale, che si è dimostrata un intelligente modo di fare promozione e marketing.

Grazie quindi a Perla d’Oro e a Roberto, l’artefice della serata. E poi, soprattutto, grazie a chi ha partecipato alla prima edizione di #socialfusion: Frank Guerra, Simone Tornabene, Stefano Leotta, Tommaso Sorchiotti, Paolo Bruno, Shonel, Stefano Quadraro, Luca Della Dora. A presto!

Ah dimenticavo, oltre al sito web, è possibile trovare Perla d’Oro su:

Facebook

Twitter

Foursquare

Pinterest

 

Commenti (Facebook)

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*