26
Giu

Text 100 Global Blogger Survey

Un’indagine condotta su 449 blogger in 21 paesi del mondo, a cura di Text100, agenzia globale di consulenza nelle Pubbliche Relazioni. Ho avuto modo di seguire i primi passi della ricerca, almeno per quanto riguarda l’Italia, e inoltre ho partecipato al questionario di Text100, suggerendo all’agenzia i nomi di altri blogger potenzialmente interessati alla cosa.

Di seguito incollo alcuni passaggi interessanti, fermo restando che l’intero report è contenuto in queste slide

 

Contatti con i professionisti PR

Oltre il 90% dei blogger dichiara di apprezzare il contatto con i professionisti di PR.

La maggior parte dei blogger indica che già sussiste una relazione continuativa con le PR; negli USA oltre il 96% viene contattato più di una volta alla settimana (il 36% in Asia Pacifico – il 65% in Europa).

La posta elettronica è la forma di comunicazione preferita, in ogni parte del mondo e a ogni latitudine; SMS e Instant Messaging sono invece universalmente le forme più “detestate”.

Circa la metà dei blogger in Asia Pacifico ed Europa indica la forma di contatto preferita sul proprio blog e – in seguito a questa indagine – molti hanno dichiarato di voler aggiungere questa indicazione sul proprio sito personale. L’88% dei blogger in Asia Pacifico preferisce un primo contatto introduttivo prima di cominciare a ricevere informazioni dai responsabili PR interni o esterni alle aziende; molti indicano di desiderare anche un incontro vis-à-vis.

I blogger sono tutti concordi nel richiedere contenuti diversi e differenziati, specialmente se legati a sviluppo e nuove release di prodotto, recensioni, feedback sui contenuti del proprio blog e interviste con i manager delle aziende.

Contenuti ricevuti dai professionisti PR

Le forme di contenuto fornite con maggiore frequenza sono fotografie, seguite da grafici, tabelle e video streaming.

Due terzi dei blogger in Asia Pacifico ed Europa intendono usare sempre più contenuti ed elementi individuati all’interno di SMR (Social Media Release) nei prossimi 12 mesi.

Abitudini di blogging

I blogger statunitensi sono quelli che investono più tempo nel blogging, il 63% ad esempio vi dedica oltre 9 ore a settimana; mentre in Asia Pacifico ed Europa sono meno (rispettivamente 36% e 44%) quelli che investono così tanto tempo

Il cosiddetto microblogging (e.g. Twitter) è utilizzato dal 75% di tutti i blogger, e quelli residenti in Asia Pacifico ed Europa ritengono di poter ‘postare’ sul loro blog con maggiore frequenza proprio grazie al microblogging.

Chiudono le cinque lezioni chiave per le Pr 2.0:

Le Aziende riconoscono sempre di più il potere di influenza dei bloggerIl sempre crescente numero di contatti fa ritenere che la blogosfera stia diventando un canale di comunicazione in sé e che le aziende riconoscano il valore di influenza dei blogger su alcune audience chiave.

I comunicati stampa aziendali sono “out”- I blogger dichiarano che utilizzeranno invece i Social Media Release sempre di più, nei prossimi mesi.

I “RSS feeds” sono una fonte di informazione chiave per i blogger, seconda solo agli altri blogger – Se le società non rendono disponibili le proprie informazioni via RSS feed, rinunciano a un mezzo fondamentale di informazione per i blogger, che ormai è giudicato molto affidabile. I blogger e i siti web aziendali sono considerati, ormai quasi da tutti, fonti di informazioni più credibili del microblogging, dei giornali, dei siti di social bookmarking e della TV, ma anche dei periodici in Europa e Asia Pacifico).

La maggioranza dei blogger sono ancora “part-time” e bisogna tenerne conto nel delineare le strategie di comunicazione – Fuori degli Stati Uniti, la maggioranza dei blogger intervistati scrive sui propri “diari personali” per meno di 9 ore la settimana.

La maggioranza dei blogger è pronta a rendere evidente quando un proprio post è stato promosso e sostenuto da un’azienda – Mentre oltre l’80% dei blogger – a ogni latitudine – afferma che renderebbe noto il sostegno aziendale ad un proprio post, i blogger residenti nei paesi asiatici in particolare tendono a essere meno disponibili a riconoscere la sponsorship aziendale.

Commenti (Facebook)

Piero Babudro
Consulente per la comunicazione digitale e il Content marketing. Scrivo e aiuto i miei clienti a progettare narrazioni digitali che funzionano. Ho scritto per una decina di giornali digitali e non. Collaboro con aziende, professionisti, agenzie di marketing e comunicazione. Organizzo corsi di formazione in azienda e insegno presso l’Istituto Europeo di Design di Milano. Il mio libro "Manuale di scrittura digitale creativa e consapevole" illustra un metodo che prima non esisteva e che ti aiuterà a produrre contenuti di livello eccezionale. > bit.ly/scritturadigitale
Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*