Ti trovi qui :Home>Articoli>Digital Marketing e Social Media>Facebook e la questione investimenti

Facebook e la questione investimenti

Autore: |giovedì, 28 maggio, 2009|Digital Marketing e Social Media|

La domanda non è banale. Quanto vale Facebook? E perché si dovrebbe investire nel social network di Zuckerberg quando non ha mai dato prova concreta di questo suo valore economico? A porsi il quesito non è uno scettico qualsiasi – cosa che peraltro non toglierebbe legittimità alla domanda – ma il Financial Times.

facebook-thumb Facebook e la questione investimenti Che rincara la dose, affermando: “Non ci sono i numeri per poter ricostruire il quadro finanziario del social network.” Martedì, i russi di Digital Sky Technologies hanno reso noto di aver pagato 200 milioni di dollari in cambio di un pacchetto azionario pari al 2%. Dato che nel 2007 Microsoft ha messo sul piatto 240 milioni per la stessa quota, si può dire che due anni fa Facebook valeva 15 miliardi di dollari e oggi ‘solo’ 10. Intanto, altri 100 milioni di dollari dovrebbero arrivare – dalla stessa Digital Sky Technologies – tra qualche mese.

Prima domanda: da cosa dipende questo calo nella valutazione complessiva del social network? Non lo sappiamo.

Allo stesso tempo, però, Ft.com si lamenta del fatto che Facebook si rifiuta di divulgare le proprie performance finanziarie. I ricavi, a quanto pare, sono cresciuti del 70% lo scorso anno e lo stesso Zuckerberg si aspetta un cashflow positivo anche nel 2010.

Seconda domanda: perché allora Facebook ha bisogno di finanziamenti extra? Digital Sky Technologies possiede quote di svariate aziende online, in Russia ma anche nell’est Europa, tra cui alcuni social network. Forse sono stati allettati dalla promessa (eterna) di monetizzare l’asset Facebook. Una sfida, questa, non ancora raggiunta pienamente.

Piero-Babudro-SegnaleZero-Com-Scrittura-Creativa-Digitale Facebook e la questione investimenti

Consulente per la comunicazione digitale. Mi occupo di Content Strategy, Content Marketing e Storytelling. Aiuto i miei clienti a progettare narrazioni e contenuti digitali che funzionano e portano risultati misurabili. Il mio approccio è media neutral: utilizzo indifferentemente testi, immagini e video per creare valore tangibile. Organizzo corsi di formazione in azienda, insegno presso l’Istituto Europeo di Design di Milano. Ho condensato parte del mio metodo di lavoro nel volume “Manuale di scrittura digitale creativa e consapevole” (Flaccovio, 2016), con l’obiettivo di aiutarti a produrre contenuti di livello eccezionale.

Che ne pensi? Lascia un commento

   Voglio essere avvisato via email quando verranno pubblicati nuovi commenti a questo post. NB: puoi anche seguire la conversazione senza essere obbligato a commentare ;)

Rimaniamo in Contatto!
Iscriviti alla mia Newsletter
Contenuti mirati, zero spam, tranquillità assoluta.
MI ISCRIVO
close-link